google-site-verification=C7KDpiQmaL9OIZ0N0BZ4g3xA8jnDMTduMyB-BSxFw3c
Spedizione Gratuita per ordini superioria 99€
  • +39 3534037248
  • Viale Giuseppe Garibaldi 4 Maccagno (va)

Inverno Come proteggere la Propria e-Bike dal freddo

di Boris Trisolini sopra December 02, 2021

E-bike in inverno, cosa fare con le due ruote elettriche. I consigli per un mantenimento giusto o per pedalare al meglio anche nella stagione fredda

Arriva l’inverno. E la vostra e-bike ha bisogno di essere riposta nel  modo giusto per trovarsi pronta nella prossima primavera. Oppure volete continuare a pedalare in sicurezza anche in condizioni di freddo e ghiaccio. Vi diamo alcuni consigli utili per avere sempre una e-bike perfetta.

E-bike inverno: la pulizia

la pulizia è il primo passo

Il primo passo è pulire a fondo  la e-bike che  si  vuole riporre. Oltre al telaio, è importante concentrarsi su sospensioni e trasmissione utilizzando prodotti appositi (detergente sgrassante, pulitore freni, pulitore contatti elettrici, protettivo per sospensioni), che rimuovono grasso e sporco senza danneggiare la componentistica. Anche rimuovere la batteria e pulire bene la porta di ricarica e attacchi è molto consigliato, proteggendola con del pulitore contatti cosi da essere sicuri di aver rimosso tutta l'umidità

catena e ammortizzatori sempre lubrificati

Finito il lavaggio, bisogna lubrificare la meccanica: oliare la catena, i cuscinetti dei pedali e utilizzare spray siliconico per proteggere e mantenere morbidi i paraoli della forcella e dell’ammortizzatore e il tubo-sella telescopico. Ma attenzione a non oliare parti come i dischi dei freni.

Proteggere la batteria dal freddo

Prima di tutto non è necessario smontare la batteria  durante il periodo di fermo. A patto che la temperatura del garage o del luogo in cui tenete la bici sia tra i 10° e i 20 °C.  In caso contrario, oppure in presenza di elevata umidità, meglio rimuoverla e riporla in un ambiente con le  suddette caratteristiche.

la batteria va tenuta al caldo

Se non fosse possibile staccarla, possiamo proteggerla avvolgendo il tubo obliquo con una coperta e, in caso di umidità, anche con del nylon; esistono in commercio cover apposite in neoprene. Affinché non perda efficienza, meglio ricaricarla al 70% prima di spegnerla. Se la bici resta ferma, va riportata a quel livello ogni sei mesi e ricaricata completamente prima dell’uso.

carica al 70% prima di fermarla

Anche la posizione conta. mai appenderla al chiodo

La prima regola per chi “appende la bici al chiodo” è: non appendere mai la bici al chiodo. Tenerla in verticale, anche se riduce lo spazio occupato, non è infatti una buona idea. Meglio la posizione orizzontale, per evitare la formazione di aria all’interno del sistema frenate idraulico e la fuoriuscita d’olio dai coperchi della forcella.

giusta posizione di fermo

Non occorre lasciare le gomme alla massima pressione ma è importante che siano gonfie e non bucate: diversamente si schiacciano e ne viene compromessa irrimediabilmente la forma.  Con le gomme tubeless, durante i periodi di stop è buona norma girare di tanto in tanto le ruote per tenere il lattice in movimento ed evitare che si secchi.

così no

Quando la bici è ferma va inserito il rapporto più lungo, in modo che le molle della trasmissione restino rilassate. In caso di cambio Shimano, la frizione va posizionata su off. Il tubo telescopico della sella deve essere completamente sollevato (posizione di riposo per la cartuccia) e le sospensioni sbloccate così da non tenerle sotto pressione ma in posizione rilassata.

TORNA IN CIMA